mercoledì 26 ottobre 2016

100° Giro d'Italia 2017

Di seguito il resto del percorso del Giro d'Italia 2017:
Lunedì 8 maggio 2017: riposo
Martedì 9 maggio 2017 tappa 4: Cefalù – Etna, 180 km;
Mercoledì 10 maggio 2017 tappa 5: Pedara – Messina, 157 km;
Giovedì 11 maggio 2017 tappa 6: Reggio Calabria – Terme Luigiane, 207 km;
Venerdì 12 maggio 2017 tappa 7: Castrovillari – Alberobello, 220 km;
Sabato 13 maggio 2017 tappa 8: Molfetta – Peschici, 189 km;
Domenica 14 maggio 2017 tappa 9: Montenero di Bisaccia – Blockhaus, 139 km;
Lunedì 15 maggio 2017: riposo
Martedì 16 maggio 2017 tappa 10: Foligno – Montefalco, 39 km (cronometro);
Mercoledì 17 maggio 2017 tappa 11: Firenze – Bagno di Romagna, 161 km;
Giovedì 18 maggio 2017 tappa 12: Forlì – Reggio Emilia, 237 km;
Venerdì 19 maggio 2017 tappa 13: Reggio Emilia – Tortona, 162 km;
Sabato 20 maggio 2017 tappa 14: Castellania – Oropa, 131 km;
Domenica 21 maggio 2017 tappa 15: Valdengo – Bergamo, 199 km;
Lunedì 22 maggio 2017: riposo
Martedì 23 maggio 2017 tappa 16: Rovetta – Bormio, 227 km (cima Coppi sullo Stelvio);
Mercoledì 24 maggio 2017 tappa 17: Tirano – Canazei, 219 km;
Giovedì 25 maggio 2017 tappa 18: Moena – Ortisei/St. Urlich, 137 km;
Venerdì 26 maggio 2017 tappa 19: San Candido/Innichen – Piancavallo, 191 km;
Sabato 27 maggio 2017 tappa 20: Pordenone – Asiago, 190 km;
Domenica 28 maggio 2017 tappa 21: Monza – Milano, 28 km (cronometro)

venerdì 5 febbraio 2016

MKG CYCLING TEAM 2016


Presentazione MKG 23/01/2016

Provare a ripetere i successi ottenuti nel 2015 e cercare di mettere piede nel mondo della mountain bike femminile, tentando di lasciare un segno nel campionato europeo. Sono questi gli obiettivi dichiarati della Mkg Cycling Team, la società teramana che ha presentato questo pomeriggio la stagione 2016 al Club Interamnia di Teramo.
Sono intervenuti all’evento anche Alessio Maddes, responsabile Abruzzo Mtb, il presidente provinciale Acsi di Pescara, Luciano D’Onofrio, che ha anticipato alcune novità previste nel regolamento della seconda serie e Daniele Schiazza, coordinatore regionale seconda serie, che ha anticipato la prossima presentazione di un calendario unico che, per la prima volta, vedrà lavorare insieme Acsi, Uisp e Federazione ciclistica abruzzesi.
Dopo più di 40 corse vinte nelle varie categorie, di cui 4 vittorie assolute, 2 titoli italiani di categoria e un titolo europeo incassati lo scorso anno, la Mkg guarda al 2016 con speranza e ottimismo, senza perdere mai di vista la caratteristica che la contraddistingue, ovvero quella di essere innanzi tutto un gruppo di amici che condivide la passione per le due ruote.
“Siamo e restiamo amatori”, ha detto, infatti, il vice presidente Marco Colleluori, “poi ci mettiamo un numero sulla schiena e, se vinciamo, ci divertiamo di più”.
Filosofia, questa, che da sempre contraddistingue la società, così come ricorda anche il team manager Massimiliano Leoni. “Quest’anno possiamo contare sull’arrivo di alcuni corridori che di sicuro renderanno più competitiva la squadra”, spiega Leoni, “e proveremo a partecipare al campionato europeo di Mtb con la nostra Lorena Pizzica, puntando a portare a casa qualche risultato. Ma quello che più conta è il riuscire a mantenere il clima di amicizia che da sempre ci unisce, anche al di là delle biciclette”.
E a chi ha accostato la Mkg ad altre società presenti sul territorio con altri numeri e risultati raggiunti, il team manager risponde con serenità. “Vederci anche solo messi a confronto con squadre che hanno ottenuto risultati ben più importanti dei nostri e che possono contare sull’apporto di atleti professionisti non può che lusingarci. I nostri obiettivi di sicuro non sono quelli legati alle prestazioni agonistiche e siamo contenti di quanto, con fatica e impegno, siamo riusciti ad ottenere finora”.
Dal 2016, dunque, correranno con la Mkg anche Federica Figliola, Pietro Di Panfilo, Vittorio Iezzoni, Giacomo Mirabella, Simone Chiappini, Marco Ruffini e Pino Di Donato. “Una famiglia che cresce”, conclude Leoni.
Organico: Massimiliano Leoni, Fabio Mantovani, Marco Colleluori, Marco Cascianelli, Lorena Pizzica, Marco Fidanza, Nicola Iuvinale, Gabriele Iuvinale, Giancarlo Di Domenico, Siglio Pavone, Carlo Perpetuini, Domenico Abbondanza, Andrea Battaglino, Francesco Centurame, Federica Figliola, Pietro Di Panfilo, Vittorio Iezzoni, Giacomo Mirabella, Simone Chiappini, Marco Ruffini e Pino Di Donato.



giovedì 24 dicembre 2015

Tirreno - Adriatico 2016

mercoledì 9 Marzo: Lido di Camaiore (team time trial) 22.7km
giovedì 10 Marzo: Camaiore-Pomarance 207km
venerdì 11 marzo: Castelnuovo Val di Cecina–Montalto di Castro 176km
sabato 12 marzo: Montalto di Castro-Foligno 216km
domenica 13 marzo: Foligno-Monte San Vicino 178km
lunedì 14 marzo: Castelraimondo-Cepagatti 210km
martedì 15 marzo: San Benedetto del Tronto (individual time trial) 101.km.

giovedì 10 settembre 2015

Pantani era un dio

Gli scalatori sono uomini aeronautici, aerodinamici e anche un po' aerostatici, sono quelli che in salita si avvitano su loro stessi, si intrecciano con le bici, si sposano al paesaggio, sono anime solitarie, mistiche, sofferenti fino al dolore, disposti all'agonia, si sublimano con il dolore.
Scalare su due ruote è un regalo della natura, un'eredità della fame, una sfida alla legge di gravità, un bisogno inspiegabile, gli scalatori sono uomini soli.

dal libro di Marco Pastonesi "Pantani era un dio"

martedì 1 settembre 2015

Campo Imperatore "salita Marco Pantani"


io, Lorenzo e Antonio
Pantani - Gotti
L’ascesa verso i 2130 m di Campo Imperatore è stata ribattezzata “Salita Marco Pantani”, in ricordo dell’impresa del Pirata sulla montagna abruzzese al Giro d’Italia 1999, una tappa, quella del 22 maggio 1999, rimasta nel cuore e nella mente di ogni appassionato con la splendida azione di Pantani in una giornata di freddo e neve. Lungo i 30 km che portano da Fonte Cerreto a Campo Imperatore sono stati posizionati dei cartelli indicanti l’altitudine, il chilometraggio progressivo e il tempo di percorrenza impiegato dal Pirata. Ricordiamo che Marco terminò la formidabile ascesa con il tempo di 53’50” un bellissimo omaggio a Marco Pantani di una terra da sempre legata al mondo dei pedali.